Arianna di Verboom Comunicazione in viaggio attraverso la Valle d'Itria - Verboom Comunicazione
16392
single,single-post,postid-16392,single-format-gallery,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-7.5,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive
  • IMG-20151121-WA0018_O
  • IMG-20151121-WA0028_O
  • IMG-20151121-WA0016_O
  • IMG-20151121-WA0009_O
  • IMG-20151121-WA0026_O
  • IMG-20151121-WA0022_O
  • IMG-20151121-WA0023_O
  • IMG-20151121-WA0024_O

23 nov Arianna di Verboom Comunicazione in viaggio attraverso la Valle d’Itria

Puglia, novembre 2015. Un viaggio nel più dipinto di blu perché, nonostante l’autunno inoltrato, si è respirata ancora aria di vacanza. Il tour nella Valle d’Itria è stata una magnifica esperienza promossa da Regione Puglia. Una storia curiosa e da scoprire che vi racconterò nelle prossime settimane non appena l’operatore Max Peef, fotoreporter di lunga data (era in trasferta per realizzare un servizio per il mensile Style), mi inoltrerà i video che abbiamo realizzato insieme per dare un senso ad ogni angolo magnifico di questa terra. Il tour alle città bianche ha toccato gli scorci più caratteristici, saltando dalle distese di terra rossa a quelle di ulivi, dalle masserie ai muretti a secco fino ai trulli, riconosciuti Patrimonio Unesco. In tre giorni abbiamo pizzicato qua e là. L’itinerario ha preso il via a Ostuni con una cena speciale all’Osteria del Tempo perso. Qui, onestamente, di tempo non ne abbiamo perso! Un menù tipico con il ben di Dio in tavola e poi in cucina a intervistare lo chef per scoprire qualche segreto.

Il viaggio tra le distese pugliesi è continuato a Cisternino e a Locorotondo, la Puglia rurale con le case in calce e i vicoli, quei labirinti senza fine che ti portano a scoprire una nuova cultura. Il salotto della Valle d’Itria è stato magnificamente interpretato a Martinafranca, un borgo dove sembra che il tempo abbia un ritmo più rilassato e dove la vita è slow. Il tour si è poi concluso con una panoramica nei borghi con i Trulli di Alberobello.
Perfetti compagni di viaggio i colleghi giornalisti, unica la guida che ci ha fatto scoprire tantissime cose, una tra tutte: in Puglia sono stati censiti 56milioni di ulivi, uno per ogni italiano. Abbastanza per definire l’olio come l’oro di Puglia.
No Comments

Post A Comment